Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

Contributo di costruzione

Facebook  twitter
Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF

Gli importi indicati nelle tabelle seguenti, devono essere moltiplicati per la superficie di riferimento come definita dall'art. 10 della L.R. n. 25/1995. 

Art. 10. L.R. n. 25/1995 (Superficie di riferimento per il computo del contributo di concessione edilizia). 

 "1. Il parametro dimensionale cui fare riferimento per l'applicazione del contributo di costruzione è costituito dalla superficie utile (SU), come definita nel Regolamento Edilizio Tipo (RET) e nei provvedimenti emanati in sua attuazione.

Nel caso di interventi comprendenti la sistemazione di aree che, pur restando inedificate, concorrono a determinare la funzionalità dell'insediamento e il peso delle attività insediabili, e nel caso di realizzazione di superfici accessorie direttamente collegate e fruibili dall’unità immobiliare, le aree e le superfici stesse sono incluse nella superficie di riferimento, con l'esclusione di quelle eventualmente occupate da opere di urbanizzazione. A tali aree e superfici si applica la tariffa relativa alla categoria funzionale di edifici più affine, ridotta dal Comune in sede di approvazione del relativo progetto, sulla base della loro effettiva incidenza nel determinare la domanda di opere di urbanizzazione."

Dal Regolamento Edilizio Tipo approvato in attuazione dell’Intesa , ai sensi dell’articolo 8,comma 6 , della legge 5 giugno 2003, n. 131 

14‐Superficie utile

SU

 

Definizione avente rilevanza urbanistica

 

Superficie di pavimento degli spazi di un edificio misurata al netto della superficie accessoria e di murature, pilastri, tramezzi, sguinci e vani di porte e finestre.

 

15 ‐Superficie accessoria

SA

 

 

 

 

Definizione avente rilevanza urbanistica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Superficie di pavimento degli spazi di un edificio aventi carattere di servizio rispetto alla destinazione d’uso della costruzione medesima, misurata al netto di murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre. La superficie accessoria comprendere:

1)     i portici e le gallerie pedonali ad uso privato;

2)     i ballatoi, le logge, i balconi e le terrazze ad uso privato esclusivo;

3)     le tettoie con profondità superiore a m 1,50;

4)     le cantine, i ripostigli ed i relativi corridoi di servizio non compresi nel sedime della costruzione nonché quelli posti al primo piano fuori terra negli edifici a destinazione diversa dalla residenza;

5)     i sottotetti a falda inclinata aventi altezza media interna netta superiore a 2,10 metri, ma privi dei requisiti richiesti per l’agibilità e che non siano destinati ad accogliere solo impianti tecnologici;

6)     le autorimesse private in struttura fuori terra negli edifici a destinazione residenziale o ad essa assimilabile ai sensi dell’art. 13, comma 1, lett. a), della l.r. 16/2008 e s.m., non assoggettate a vincolo di pertinenzialità   nonché le autorimesse private fuori terra negli edifici a destinazione ricettivo-alberghiera eccedenti un posto auto per ogni camera ovvero per ogni locale destinato al pernottamento.

Specificazione applicativa

Sono esclusi dal computo sia della superficie accessoria  sia della superfice utile:

a)    le coperture piane di uso comune e quelle sistemate a verde pensile, le scale, gli atri, i pianerottoli, le rampe, i sottorampa ed i passaggi di uso comune negli edifici a destinazione residenziale o ad essa assimilabile e ad attività turistico-ricettive, ai sensi dell’art. 13, comma 1, lett. a) e b), della l.r.16/2008 e s.m.;

b)    i locali tecnici per impianti tecnologici quali ascensori, montacarichi, impianti termici, di climatizzazione, elettrici, idrici e simili, nonché le intercapedini non eccedenti le dimensioni prescritte dalle pertinenti normative;

c)    i locali privi dei requisiti richiesti per l’agibilità, quali cantine e ripostigli, purché ricompresi entro il sedime della costruzione e non comportanti la realizzazione di più di un piano in sottosuolo o nel piano terra limitatamente agli edifici aventi destinazione residenziale;

d)    i sottotetti a falda inclinata privi dei requisiti richiesti per l’agibilità aventi altezza media interna netta non superiore a 2,10 metri;

e)    le autorimesse private interrate e seminterrate con un solo lato fuori assoggettate a vincolo di pertinezialità negli edifici a destinazione residenziale o ad essa assimilabile ai sensi dell’art. 13, comma 1, lett. a), della l.r. 16/2008 e s.m., quelle interrate e seminterrate con un solo lato fuori terra a servizio esclusivo delle strutture ricettive alberghiere, quelle interrate o al piano terreno degli edifici di cui all’articolo 9, comma 1, della L. 122/1989 e successive modificazioni ed integrazioni, non eccedenti la superficie di 35 metri quadrati per ogni unità immobiliare al netto degli spazi e di accesso e manovra, nonché le autorimesse interrate, fuori terra o su coperture piane di pertinenza esclusiva degli insediamenti e degli edifici a destinazione produttiva, direzionale e commerciale ai sensi dell’art. 13, comma 1, lett. c) e d) della l.r. 16/2008 e s.m.;

f)     i porticati e gli spazi ad uso pubblico;

g)   i locali e gli spazi destinati a servizi pubblici o di uso pubblico con vincolo permanente di destinazione d’uso. 

 

 

 

AllegatoDimensione
Industria,artigianato, movimentazione e distribuzione all'ingrosso di merci.pdf11.35 KB
Manufatti pubblici e privati o pubblico privati a servizio di strutture turistico ricettive convenzionate.pdf11.49 KB
Ospitalità e ricettività alberghiera,all'aria aperta,extralberghiera.pdf11.44 KB
Ospitalità e ricettività alberghiera,all'aria aperta,extralberghiera, CONVENZIONATA.pdf11.56 KB
tabelle ONERI_2018.pdf3.86 MB

Data ultimo aggiornamento: 31 maggio 2018